Come cambia la vita…

24 maggio 2009 at 12:43 (Wally)

…un anno fa di questo periodo parlavo di un viaggio in Giappone che dovevo fare per forza, non vedevo l’ora.

Alla fine il viaggio è saltato per mille motivi.

Ma sono felice, oggi non vorrei essere a Tokyo o a Kyoto… oggi vorrei essere poco lontano da dove sono, qualche centinaio di Km più a sud. Perché lì c’è Perzechella mia, e voglio solo questo. Stare assieme a lei. Anche sul divano della cucina a chiacchierare o in cortile a giocare coi gattini. O in capo al mondo se lei lo vorrà…

Ti voglio bene.

Permalink Lascia un commento

Tutti pazzi per Wii Fit!

24 aprile 2008 at 10:29 (Tecnostronzate) ()

Si lo ammetto! Ieri sono andato in uno dei più grandi centri commerciali di Roma (Romaest) ed ho comprato, il giorno prima dell’uscita ufficiale, la Wii Fit.

Ho il Wii dal lancio, ma ci ho giocato tutto sommato molto poco, infatti sono davvero un “casual gamer” da manuale. Qualche giocata sporadica con Wii Sport e Wii Play, mezza volta con Zelda e Resident Evil e così via.

Ma da ieri la musica è cambiata. Wii Fit è una figata assurda! Non aspettatevi che IO ve lo recensisca, non è cosa da me. Vi rimando a questolink per saperne di più. C’è pure un video preso da Youtube.
Provatelo, vi assicuro che ne vale la pena!

Permalink Lascia un commento

Trattoria F.lii Micci: Cronaca di una bella serata in compagnia

17 aprile 2008 at 8:49 (Roma)

Ieri sera mi sono visto con un gruppo di amici, sapete, di quelli ai quali vuoi bene, ma che per le varie vicissitudini della vita non vedi molto spesso. Uno di essi ha organizzato la cena presso una Trattoria tipica romana, piuttosto conosciuta (anche se confesso che io non c’ero mai stato e non l’avevo mai sentita prima…) dove abbiamo passato una serata piacevolissima. Non mi soffermo sulla compagnia, quella era speciale, ma non è l’oggetto del pensiero di oggi.

L’oggetto è invece proprio il luogo dove abbiamo “desinato” (tiè! becchete sto parlare artito, Zì!) .

La Trattoria Pizzeria F.lli Micci si trova in zona Piazzale degli Eroi, precisamente in Via Andrea Doria 55 a/b, difronte al cinema Doria.

La cucina è tipica romana, ma propone anche dei piatti speciali come un brasato di manzo, stracotto al vino rosso, che ieri ho potuto gustare e che era davvero squisito. Per chi lo volesse, anche il pesce è ottimo e comunque c’è anche la possibilità alternativa di gustare una buona pizza preparata con ingredienti scelti. La selezione di vini è curata e pregiata. I dessert sono il giusto coronamento di un pasto perfetto e sono tutti artigianali. Vi suggerisco i gelatini di frutta del Maestro Mauro, semifreddi fatti con frutta fresca di stagione, davvero sfiziosi.

Andateci, non posso che suggerirvelo. Informazione di servizio: il locale effettua il riposo settimanale il lunedì.

:)

Permalink Lascia un commento

La razione K:

12 aprile 2008 at 12:19 (Pensieri)

Con due amici l’altra sera a cena ci chiedevamo cosa contenesse di preciso la razione “K” che a volte ti propinavano durante la leva e che in teoria è la razione di sopravvivenza per i soldati in guerra… sopratutto c’era quella poltiglia marrone che non si capiva cosa fosse, chi diceva pasta e fagioli, chi trippa, chi temeva il peggio… ecco cosa ho trovato su Wikipedia:


La razione K è una razione individuale giornaliera di sopravvivenza introdotta dagli statunitensi nel 1942seconda guerra mondiale. La razione è pensata per tre pasti: colazione, pranzo e cena.
Attualmente le razioni K si sono largamente diffuse e sono usate anche dall’esercito italiano. Solitamente è composta da:
nel corso della

  • Pasta e fagioli 300 grammi.
  • Wurstel 227 grammi, tonno 160 g, Tacchino 210 g, maiale 140g.
  • Medaglioni di carne 190 g, sgombro 125 g, carne bovina 100g , pollo 140g.

Nell Esercito Italiano si presenta come un sacchetto sottovuoto verde scuro, contrassegnato da diversi colori per stabilirne le differenti versioni (cambiano gli alimenti) Inoltre possiamo trovare all’interno pastiglie per disinfettare l’acqua, fibra da assumere in pillole, un supporto per cuocere le pietanze, tavolette combustibili, fiammiferi, sali minerali in polvere e confezione monouso per l’igiene dentale. Ovviamente, dato che deve conservarsi, manca la verdura. La frutta è costituita da diverse componenti, secca o barrette, sottovuoto o sciroppata etc. Il latte è sempre condensato.

Ma il cordiale??? No, dico: Si sono scordati di citare il cordiale???

Vabbé, con oggi ho potuto aggiungere al mio personale elenco di nozioni inutili per l’uomo qualunque anche questa informazione. :D

Permalink Lascia un commento

Non si salva il mondo in pausa pranzo!

11 aprile 2008 at 15:58 (Generale)

Non ne posso più, mi sfogo: sono stufo di quelli che iniziano le attività 10 minuti prima della pausa pranzo e poi dopo averti fatto aspettare un’ora ti dicono “no guarda, vai da solo io mi sa che non ce la faccio”… io mi faccio in quattro, se serve anche in otto. Passo 26 ore di fila in ufficio senza fare storie se c’è un problema da risolvere, ma non mi toccate la pausa pranzo!!!

Ecco!

Permalink Lascia un commento

Voglio andare in Giappone!

4 aprile 2008 at 16:28 (Pensieri)

In viaggio! Almeno per un mese..

…basta, fine del pensiero.

Permalink Lascia un commento

Vuoi svegliarti sereno il lunedì mattina?

31 marzo 2008 at 13:28 (Pensieri, Televisione)

Allora non guardare Report su Rai Tre la domenica sera.

Intendiamoci non è una critica a Report, tutto il contrario! Report ci fa riflettere. Report ci fa vedere  la realtà scomoda, quella che molti di noi ignorano o vogliono ignorare. Ci mette difronte alla nostra stessa coscienza perché diciamocelo onestamente, se il paese non è un modello di perfezione (e mi permetto un diplomatico eufemismo) è sicuramente un po colpa di ognuno di noi. Nessuno si può sottrarre alla propria responsabilità.

Non si può però, e neanche si deve, ereditare questo debito alla nascita (basta già il debito pubblico che ogni nascituro ahimè riceve in dote venendo al mondo), però tutti quelli di noi che, come il sottoscritto, non fanno abbastanza per cambiare le cose devono farsi carico dell’onere della responsabilità e della colpa in parti uguali. Perché la giustizia è democrazia, perché non so se la giustizia è di questo mondo o propria di una volontà superiore, ma sta di fatto che è equa e democratica. Non certo per merito di certi Ministri, sia chiaro…

Permalink Lascia un commento

Toglietemi tutto, ma non la mia bufala!!!

28 marzo 2008 at 16:00 (Pensieri)

Mozzarella di bufalaA quanto pare sull’orgoglio italico ci può passare sopra chiunque e per qualunque motivo. Come popolo abbiamo un amor proprio che sfiora la linea piatta di un comatoso, ma in certi momenti sappiamo tirar fuori le palle ed alzare la voce… peccato che sia sempre nei momenti sbagliati.
L’Italia è lo zimbello d’Europa per questioni politiche (vedi sistema elettorale e politici buffoni), per il caso rifiuti campani, per la questione Alitalia… tutte cose per le quali Governo, Opposizione, Sindacati e Maestranze varie abbassano il capo sconsolati e per le quali ci prendiamo lo scherno ed i rimproveri di un po tutto il mondo.

Ma ecco l’italico orgoglio finalmente mostrarsi! E per cosa??? Per che cosa facciamo la voce grossa, con tutti i casini che ci sono??? Per la mozzarella di bufala.

Capiamoci: Io ADORO la mozzarella di bufala e la mangio con serenità in barba agli allarmismi, e (ri)capiamoci, mi rendo conto che con certe voci un mercato d’esportazione viene danneggiato. Lo capisco, appoggio le lamentele dei produttori e vorrei io per primo che ci fossero meno psicosi ingiustificate.

Ma prima di questo vogliamo renderci conto che nella direzione che l’Italia ha ormai preso è ridicolo fare la voce grossa per questo problema così marginale, con tutti i casini che ci sono da mettere apposto nel “bel paese” e nei rapporti con il resto del mondo? Ne siamo davvero così sicuri?!?

SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAA! Il paese è allo sbando, pensate alle cose serie! Non fatevi distrarre dalle mozzarelle in prima pagina sui giornali… tra 20 giorni ci saranno le elezioni.

meditateci su, please!

Permalink Lascia un commento

Formula1: Gran Premio della Malesia 2008

25 marzo 2008 at 17:27 (Formula1)

Gran Premio della Malesia di Formula1 2008Ovvero: Cronaca di un inutile sveglia alle otto di mattina.
E dire che i presupposti dopo le qualifiche e dopo la retrocessione in quinta fila delle Mc LaDren erano a dir poco positivi. Invece ci ha pensato Felipe Massa a rovinare una giornata di festa già scritta. E dire che ho sempre difeso Felipe, ritenendolo, oltre che un bravo ragazzo, anche un ottimo pilota che sa essere più veloce degli altri, anche del compagno di squadra. Ma se continua a dimostrare di essere colui che sbaglia quando invece deve essere infallibile, la Ferrari non potrà più puntare su di lui, neanche nel ruolo di scudiero di Raikkonen, il quale diciamocelo, certo non è Schumaker e quindi neanche avrebbe titolo di “pretendere” un Sancho Panza tutto per lui.
Felipe deve diventare costante, deve imparare a reggere la tensione e sopratutto non deve più permettersi sbagli come quello di domenica, che è costato OTTO PUNTI FONDAMENTALI a lu ed al team. So che può sembrare assurdo parlare di punti fondamentali dopo due gare dall’inizio della stagione, ma se ci rifletterete bene vi accorgerete che è così: anche lo scorso anno, la Mc Laren ha dimostrato una affidabilità ed una costanza ben maggiore rispetto alla Ferrari e col meccanismo di attribuzione punti attualmente in vigore sarà chi è più costante a vincere il mondiale. Con due punti di scarto (10 contro 8) tra chi arriva primo e secondo, vincere non serve più a molto, conta più arrivare a punti a tutte le gare, cosa che la Mc Laren al momento sembra di poter fare molto più agevolmente della Ferrari.

Vedremo, io faccio il tifo!

Permalink Lascia un commento

Cronaca di uno strano martedì…

25 marzo 2008 at 17:19 (Pensieri)

Sarà perché ieri è stato un lunedì di festa, sarà perché il tempo è stato pazzo in questi giorni, fattostà che io mi sento fuori fase e mi pare di aver in parte perso la cognizione del tempo. Oggi è martedì, ma è fin da quando ho aperto gli occhi, stamattina alle sett’emmezza, che mi pare lunedì.

Oggi sono tornato a lavoro dopo il week end, eppure non è lunedì. E’ una sensazione difficile da spiegare però non mi oriento. Domani poi lavorerò mezza giornata, per poter sbrigare delle faccende personali nel pomeriggio e questo contribuirà ancor di più a disorientarmi… insomma, sarò fortunato  se venerdì sera  non metterò la sveglia per correre in ufficio sabato mattina! Se sabato doveste trovare un post di imprecazioni varie, evidentemente ci sarò cascato.

Permalink Lascia un commento

Next page »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.